Salento in moto - Itinerario Costa Orientale

Partendo dal B&B Leccelso imbocchiamo subito la S.P. 48, 18 Km di rettilineo attraversano un bosco di ulivi, nel tragitto, in lontananza, un luccichio tremolante ci ricorda che i laghi Alimini ci osservano da lontano, superba e antichissima ci accoglie, dopo un gioco di stretti tornanti, Otranto. 

La città antica con le sue stradine strette e i bastioni sul porto, la cattedrale, la chiesa San Pietro, il magnifico castello Aragonese, un salto indietro nel tempo di quasi mille anni ci scaraventa nel medioevo. Il ricordo dell'assedio dei Turchi e il martirio degli abitanti del 1480 è vivo e presente nei racconti di tutti,  a volte anche nei loro volti che sembrano tradire e celare antichi amori o efferati stupri.

Ci rimettiamo già in sella .... lasciamo alle nostre spalle Otranto e le sue storie e ci dirigiamo sulla costa orientale, verso la Palascia, a destra le campagne rocciose e brulle, di tanto in tanto greggi di pecore, sparse tra piccoli pascoli e sassi bianchissimi, interrompono il loro brucare e ci osservano incuriosite, a sinistra le rocce scure e il mare, l'antico faro in lontanansa, le torri costiere,.... e poi giù per una strada fantastica, ricca di curve e brevi rettilinei, giù sino alla baia di Porto Badisco.

Una profonda insenatura, dove il mare, limpidissimo, penetra l'alta costa rocciosa e lambisce nel'ultima anza una piccola spiaggia, qua e là le piccole barche dei pescatori, capovolte sulla sabbia o ormeggiate a pochi centimetri d'acqua, narrano la vera origine del luogo, non una meta turistica ma un povero porto di pescatori che non cedono, fortunatamente ancora, il passo alla fortuna della loro terra e che nei periodi dell'anno in cui è consentita la pesca dei ricci, coniugano il loro vecchio mestiere all'opportunità delle nuove cose e offrono in cambio di poco ai visitatori i ricci appena pescati.

Km totali durata Tappe tour guidato sino a: Temi
125 Intera giornata   Castro
  • Arte
  • Storia
  • Natura